Vai allo Shop online   

Posizione corrente:

Ti trovi in:Home > News > Morti per malattie cardiovascolari nel mondo ed incidenza globale

Morti per malattie cardiovascolari nel mondo ed incidenza globale

Mediagallery

Di seguito proponiamo un articolo dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, o World Health Organization, WHO in inglese), agenzia speciale dell’ONU per la salute., datato  maggio 2017.

Nonostante siano passati 2 annil lo studio  tuttavia molto attuale e fortemente indicativo.

L’obiettivo è comprendere l’icidenza delle malattie di natura cardioascolare sui decessi nel mondo, comprendendo quali sono le attività di prevenzione.

Aspetti principali delle malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la causa numero 1 di morte a livello globale: più persone muoiono ogni anno da problematiche di natura Cardio Vascolare che da qualsiasi altra causa.

Nel 2016 circa 17,9 milioni di persone sono morte a causa di malattie cardiovascolari, che rappresentano il 31% di tutti i decessi a livello mondiale.

Di questi decessi, l’85% è dovuto a infarto e ictus.

Oltre i tre quarti delle morti di natura Cardio Vascolare si verificano nei paesi a basso e medio reddito.
Dei 17 milioni di morti premature (meno di 70 anni) da malattie non trasmissibili nel 2015, l’82% è in paesi a basso e medio reddito e il 37% è causato da malattie cardiovascolari.

La maggior parte delle malattie cardiovascolari può essere prevenuta affrontando fattori di rischio comportamentali come l’uso di tabacco, una dieta non sana, il trattamento dell’obesità, l’inattività fisica, riduzione del consumo di alcolici, etc..  utilizzando campagne comunicative di sensibilizzazione su larga scala.

Persone con malattie cardiovascolari o che hanno un alto rischio cardiovascolare (due dei più recenti fattori di rischio come ipertensione, diabete, iperlipidemia o malattia già accertata) che utilizzano terapie e farmaci precoci, a seconda dei casi.

Quali sono le malattie cardiovascolari?

Le malattie cardiovascolari (CVD) sono un gruppo di disturbi del cuore e dei vasi sanguigni e comprendono:

  • Cardiopatia coronarica: malattia dei vasi sanguigni che riforniscono il muscolo cardiaco;
  • Malattia cerebrovascolare: malattia dei vasi sanguigni che forniscono il cervello;
  • Malattia arteriosa periferica:  malattia dei vasi sanguigni che forniscono le braccia e le gambe;
  • Cardiopatia reumatica: danno al muscolo cardiaco e alle valvole cardiache da febbre reumatica, causate da batteri streptococco;
  • Cardiopatia congenita:  malformazioni della struttura cardiaca esistenti alla nascita;
  • Trombosi venosa profonda ed embolia polmonare: coaguli di sangue nelle vene delle gambe, che possono sloggiare e muoversi nel cuore e nei polmoni.

Attacchi di cuore e ictus sono di solito eventi acuti e sono causati da un blocco che impedisce al sangue di fluire nel cuore o nel cervello. Il motivo più comune è l’accumulo di depositi di grasso sulle pareti interne dei vasi sanguigni che alimentano il cuore o il cervello. Gli ictus possono anche essere causati da vasi sanguigni nel sangue o coaguli di sangue. La causa di infarti e ictus è solitamente una combinazione di fattori di rischio, come l’uso di tabacco, una dieta non sana e l’obesità, l’inattività fisica e l’uso di alcol, ipertensione, diabete e iperlipidemia.

Quali sono i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari?

Inattività fisica, uso di tabacco e uso dannoso di alcol. Gli effetti dei fattori di rischio comportamentale possono manifestarsi in individui quali aumento della pressione sanguigna, aumento dei lipidi nel sangue, sovrappeso e obesità. Questi “fattori di rischio intermedi” possono essere misurati in strutture di assistenza primaria e indicato un aumento del rischio di sviluppare un infarto, ictus, insufficienza cardiaca e altre complicanze.

Cessazione dell’uso del tabacco, riduzione della dieta, riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. Inoltre, per ridurre il rischio cardiovascolare e prevenire infarti e ictus, può essere necessario il trattamento farmacologico del diabete, ipertensione e lipidi nel sangue alto. Politiche sanitarie che creano ambienti conduttivi per fare scelte salutari accessibili ed essenziali per motivare le persone ad adottare e sostenere comportamenti sani.

C’è anche un numero di determinanti sottostanti di CVD o “le cause delle cause”. Questi sono un riflesso delle principali forze del cambiamento sociale, economico e culturale: globalizzazione, urbanizzazione e invecchiamento della popolazione. Altri fattori determinanti delle malattie cardiovascolari comprendono la povertà, lo stress e fattori ereditari.
Quali sono i sintomi più comuni delle malattie cardiovascolari?
Sintomi di infarti e ictus

Spesso, non ci sono sintomi della malattia sottostante dei vasi sanguigni. Un infarto o ictus può essere il primo avvertimento della malattia di base.

I sintomi di un attacco di cuore includono:

  • dolore o fastidio al centro del petto;
  • dolore o disagio alle braccia, alla spalla sinistra, ai gomiti, alla mascella o alla schiena;
  • difficoltà nella respirazione o mancanza di respiro;
  • nausea e/o vomito;
  • sensazione di testa leggera o debole;
  • un sudore freddo;
  • pallore.

È probabile che le donne abbiano respiro corto, nausea, vomito e dolore alla schiena o alla mandibola.

Il sintomo più comune di ictus è la debolezza improvvisa del viso, del braccio o della gamba, più spesso su un lato del corpo. Altri sintomi includono l’insorgenza improvvisa di:

  • intorpidimento del viso, del braccio o della gamba, specialmente su un lato del corpo;
  • confusione, difficoltà a parlare o comprensione della parola;
  • difficoltà a vedere con uno o entrambi gli occhi;
  • difficoltà a camminare, vertigini, perdita di equilibrio o coordinazione;
  • forte mal di testa senza causa nota;
  • svenimento o incoscenza.

 

 

L’obiettivo dell’OMS, così come precisato nella relativa costituzione, è il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del livello più alto possibile di salute, definita nella medesima costituzione come condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non soltanto come assenza di malattia o di infermità. È membro del Gruppo per lo sviluppo delle Nazioni Unite.
Indice

L’articolo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre a fornire dati statistici ed attendibli che contestualizzano l’icidenza delle malattie cardiocircolatorie nei decessi globali, mira a informare, sensibilizzare e favorire la cultura per un corretto e sano stile di vita.

Se a questo aggiuniamo anche un altro importante fattore di prevenzione, ovvero la divvusione capillare sul territorio di defibrillatori automatici e semiautomatici, questi numeri sarebbe destinati a ridimensionamenti davvero importanti.

Solo in Europa ogni anno si registrano circa 400.000 decessi per arresto cardiaco: circa 1.095 decessi al giorno, circa 45 ogni ora.

Con l’impiego precocede dei moderni defibrillatori, circa l’80% si questi decessi potrebbe essere evitato, ovvero circa 320.000 vite salvate all’anno solo in Europa.

FONTI:

  1. Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS
  2. Italian Resuscitation Council – IRC

 

Allegati

    Condividi: