Configura il tuo DAE Shop online

Posizione corrente:

Ti trovi in:Home > Cardioprotezione > “La fisioterapia del cuore”: a Sassari il primo centro fisioterapico della Sardegna ad aderire al progetto.

“La fisioterapia del cuore”: a Sassari il primo centro fisioterapico della Sardegna ad aderire al progetto.

Mediagallery

Il Kiness del Dottor Marco Angius è il primo studio di fisioterapia e riabilitazione ad aver aderito a “La fisioterapia del cuore”, progetto nato da Simona Buono, rappresentante dei defibrillatori HeartSine® per EMD112, e da Massimiliano Pastore, titolare dell’azienda MaxMedical, rivenditore dei DAE HeartSine® per il nord della Sardegna.

 

Il Dottor Marco Angius, professionista molto noto in tutta Sassari per le patologia cliniche trattate e per la sua specializzazione nella riabilitazione sportiva, è stato il primo ad aderire al progetto denominato “La fisioterapia del cuore”, i cui fondatori sono Simona Buono e Massimiliano Pastore, rappresentante, la prima, e rivenditore per il nord della Sardegna, il secondo, dei defibrillatori semi-automatici esterni HeartSine® per EMD112.

Il Kiness, situato in Via Nenni a Sassari, è il primo centro fisioterapico e riabilitativo di tutta l’isola ad essersi dotato di un defibrillatore DAE HeartSine, il samaritan® PAD 350P. È stata la sensibilità del Dottor Angius che, a prescindere dagli obblighi di legge, lo ha spinto a cardio-proteggere il suo studio, offrendo alla propria clientela una chance di vita in più in caso di arresto cardiaco.

Il Kiness, fra l’altro, è situato in una zona della città in fortissima espansione e molto trafficata, pertanto il samaritan® PAD installato all’interno del centro fisioterapico potrebbe salvare la vita anche a numerosi passanti.

In Italia, infatti, sono circa 70.000 all’anno le persone colpite da arresto cardio-circolatorio e soltanto il 2% di esse riescono a sopravvivere. L’arresto cardiaco colpisce nell’80% dei casi lontano da ospedali e strutture sanitarie: colpisce per strada, all’interno dei luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle palestre e all’interno delle proprie abitazioni, ad esempio.

Soltanto un defibrillatore semi-automatico esterno (DAE) è in grado di ripristinare nel paziente una normale frequenza cardiaca a seguito di un arresto cardio-circolatorio. Inoltre, è di fondamentale importanza intervenire con il defibrillatore il prima possibile: per ogni minuto che passa, infatti, la possibilità di sopravvivere diminuisce del 10% circa. Ciò significa che dopo soli 5 minuti dall’evento infausto la probabilità di sopravvivere ad un arresto cardiaco è pari al 50%.

L’augurio di Massimiliano e Simona, orgogliosi del progetto lanciato e fieri dell’immediata adesione del Kiness, è quello che sempre più persone si sensibilizzino sul tema della cardio-protezione in modo tale da poter salvare, ogni anno, un numero sempre maggiore di persone colpite da arresto cardiaco.

D’altra parte è proprio questa la mission di EMD112, main importer per l’Italia dei defibrillatori HeartSine: salvare più vite possibili diffondendo i dispositivi salvavita in maniera capillare su tutto il territorio nazionale.

Per questo motivo EMD112 ha scelto i defibrillatori della casa madre irlandese: tali dispositivi, infatti, sono gli unici defibrillatori DAE presenti sul mercato con una garanzia di ben 10 anni e indice di protezione IP56 contro l’ingresso di polvere e acqua. Inoltre, oltre ad essere i più resistenti, i defibrillatori samaritan® PAD della HeartSine® sono anche i più efficaci presenti in circolazione grazie all’onda bifasica SCOPE brevettata dall’azienda stessa. Essa, infatti, è l’unica forma d’onda in grado di adattarsi perfettamente all’impedenza dei pazienti offrendo loro la terapia più efficace possibile in caso di arresto cardiaco.

Per approfondimenti in merito all’onda bifasica SCOPE: http://www.heartsinepad.it/approfondimenti/tecnologia-scope-onda-bifasica/

Allegati

    Condividi: