Richiedi  
preventivo
Shop  
online

Posizione corrente:

Ti trovi in:Home > News > Caso Morosini, con il DAE le probabilità di salvarlo erano tra il 60% e il 70%

Caso Morosini, con il DAE le probabilità di salvarlo erano tra il 60% e il 70%

Mediagallery

“Tutti i medici che hanno collaborato e si sono avvicendati nei primi soccorsi a Morosini erano tenuti all’uso del defibrillatore”.

È attorno a questa argomentazione che ruotano le quaranta pagine di motivazioni che hanno accompagnato la sentenza di condanna dei tre medici coinvolti nel caso Morosini.

Per la morte del calciatore del Livorno, infatti, avvenuta il 14 aprile 2012, sono stati condannati a otto mesi di reclusione il medico sociale del Livorno, Manilo Porcellini, e il medico del Pescara, Ernesto Sabatini. Il medico del 118 Vito Molfese, invece, è stato condannato a un anno di carcere.

Il centrocampista del Livorno Piermario Morosini sì accasciòa terra al 29-esimo del primo tempo, sul terreno di gioco della squadra avversaria: il Pescara.

In merito alle cause del decesso, il giudice del tribunale monocratico di Pescara, Laura D’Arcangelo, ha ritenuto condivisibili le conclusioni dei periti, secondo le quali “Morosini è stato colpito da fibrillazione ventricolare indotta dalla cardiopatia aritmogena da cui era affetto e dallo sforzo fisico intenso”.

È stato escluso, inoltre, che Morosini sia stato colto da asistolia, sulla quale non sarebbe stato possibile intervenire efficacemente con il defibrillatore.

Una volta accertato che il defibrillatore era presente sul campo e che andava utilizzato tempestivamente, il giudice si è dunque occupato di individuare le responsabilità di chi avrebbe dovuto utilizzarlo.

“Poiché il DAE è uno strumento dall’utilizzo estremamente facile” – ha rimarcato la D’Arcangelo – è del tutto evidente come il suo utilizzo debba necessariamente far parte del bagaglio professionale di qualsiasi medico, anche non specialista”.

Secondo il giudice, poi, gli imputati “non potevano non avere visto che il Silvestre aveva prontamente predisposto il defibrillatore semiautomatico esterno accanto alla testa dell’infortunato: Porcellini, Sabatini e Molfese, intervenuti in soccorso di Morosini nei primi minuti dopo il malore, avrebbero dovuto, una volta effettuate le manovre prodromiche, procedere alla defibrillazione”.

Il giudice inoltre esclude “qualsiasi incidenza, in termini di responsabilità degli altri medici, del ruolo di leader eventualmente attribuibile a uno di loro”, in virtù del fatto che “l’utilizzo del defibrillatore in tale frangente costituisce una procedura codificata e non connessa ad alti livelli di specializzazione”.

Un aspetto che, però, non ha impedito al tribunale di delineare una graduazione delle responsabilità sotto il profilo della colpa: il giudice ha rilevato che, “considerate le competenze professionali dei sanitari intervenuti nelle operazioni di soccorso, il referente del gruppo […] era sicuramente Molfese”, il quale avrebbe dunque dovuto assumere il ruolo di leader.

“Tutti gli elementi consentono di ritenere che le probabilità di ripresa del ritmo cardiaco e quindi di scongiurare la morte in quel momento e con quelle modalità – è scritto nelle motivazioni – sarebbero quantificabili, nei primi tre minuti dal collasso, qualora fosse stato utilizzato il DAE, intorno al 60/70 per cento”.

Una valutazione compiuta soprattutto alla luce del fatto che “Morosini era un soggetto giovane (26 anni), in condizioni fisiche che gli avevano consentito di esercitare per anni attività sportiva a livello professionale, e la cardiopatia aritmogena dalla quale era affetto, del tutto asintomatica fino all’insorgenza della fibrillazione ventricolare, interessava un’area del muscolo cardiaco molto limitata”.

Allegati

    Condividi: