Richiedi  
preventivo
Shop  
online

Posizione corrente:

Ti trovi in:Home > News > Arresto cardiaco in stazione: poliziotti salvano 49enne con un DAE

Arresto cardiaco in stazione: poliziotti salvano 49enne con un DAE

Mediagallery

Ieri mattina, lunedì 9 ottobre, un uomo di 49 anni, in procinto di prendere un treno del Passante Ferroviario alla stazione di Porta Garibaldi di Milano, si è accasciato improvvisamente a terra colpito da un arresto cardiaco.

Alcuni agenti della Polizia Ferroviaria, allertati dal 118, lo hanno tempestivamente soccorso mediante l’utilizzo di un defibrillatore semi-automatico esterno presente in loco.

I poliziotti, una volta raggiunto il malcapitato steso a terra e privo di conoscenza, hanno acceso il dispositivo salva vita e lo hanno collegato al torace dell’uomo.

In un primo momento, il dispositivo non consigliava l’erogazione di una scarica elettrica al cuore del paziente; ma dopo una seconda analisi, avvenuta in maniera totalmente automatica, il defibrillatore ha segnalato l’arresto cardiaco e la necessità di premere il pulsante dello shock.

L’intervento tempestivo ha permesso al cuore del 49enne di riprendere a battere, sia pur flebilmente, in attesa del personale medico del 118, giunto sul posto pochi minuti dopo.

Una volta sottoposto alle cure del caso, l’uomo è stato trasportato in ambulanza all’Ospedale San Raffaele di Milano, in codice rosso.

L’utilizzo dei defibrillatori DAE da parte della Polizia Ferroviaria è stata possibile grazie alla sinergia che ha visto in campo a livello nazionale l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF), il Servizio di Polizia Ferroviaria della Polizia di Stato (POLFER) e l’Associazione Nazionale dei Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO).

È stata cura degli specialisti l’attività di formazione degli agenti di polizia chiamati a utilizzare i dispositivi già dai primi mesi del 2015, nel periodo dell’EXPO.


Fonte: http://www.cronacamilano.it/cronaca/arresto-cardiaco-stazione-garibaldi-milano-polizia-salva-passeggero.html

Allegati

    Condividi: