Richiedi  
preventivo
Shop  
online

Posizione corrente:

Ti trovi in: Home > News > Arresto cardiaco durante un giro in bicicletta: salvato con l’utilizzo di un DAE

Arresto cardiaco durante un giro in bicicletta: salvato con l’utilizzo di un DAE

Mediagallery

Ieri l’altro, domenica 27 agosto, alle ore 13:00 circa, un uomo è stato colpito da un arresto cardiaco sul massiccio del Grappa, in località Panettone, comune di Crespano.

La vicenda ha avuto luogo a millequattrocento metri di quota, dove, fortunatamente, si erano dati appuntamento, sulla pista di lancio, molti appassionati di volo libero.

Nella zona, chiamati a prestare servizio in caso d’emergenza, erano presenti anche un’infermiera bassanese e un operatore di Cartigliano, coloro che, con un defibrillatore semiautomatico esterno, hanno salvato la vita al ciclista colto dal malore.

L’uomo, di sessantaquattro anni e residente a Fiera di Primiero (Trento), stava percorrendo la strada Giardino diretto verso Cima Grappa quando è crollato improvvisamente a terra. Il drammatico episodio s’è consumato a circa 50 metri dalla zona di lancio degli appassionati di volo libero, dove, per l’appunto, si trovava l’ambulanza messa a disposizione dall’associazione Blu Emergency onlus con sede a Barbarano Vicentino.

Per il servizio sanitario erano presenti l’operatore Fabio Florio, di Cartigliano, e l’infermeria bassanese Luisa Rigon.

«Siamo stati avvertiti da alcune persone che hanno richiamato la nostra attenzione» – ha raccontato Florio. «Luisa e io siamo accorsi immediatamente. Lei ha praticato il massaggio cardiaco al paziente e subito dopo abbiamo azionato il defibrillatore di cui eravamo dotati. Dopo un paio di scariche elettriche, il cuore del ciclista ha ripreso a battere».

Nel frattempo, considerata la gravità della situazione, Florio aveva allertato anche l’elisoccorso e poco dopo è atterrato nelle vicinanze il mezzo del Suem di Treviso.

Attualmente il paziente è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale trevigiano, ma l’intervento con il DAE gli ha sicuramente salvato la vita. Non è stato intubato come accade spesso in situazioni analoghe e questo sta a significare che sussistevano le speranze per una prognosi favorevole.

«Va sottolineato – ha concluso Fabio Florio – anche il supporto garantito dal presidente e dagli addetti dell’Aero Club Montegrappa che hanno lanciato i fumogeni di allerta, hanno bloccato la gara e sono stati attenti al transito dei veicoli».


Fonte: http://www.ilgiornaledivicenza.it/territori/bassano/romano/arresto-cardiaco-ciclista-salvato-con-defibrillatore-1.5920535?refresh_ce#scroll=342

Allegati

Condividi: